In viaggio con il tuo cane

Come trasportare al meglio il nostro cucciolo quando andiamo in vacanza

Foto di un cane che si sporge dal finestrino di un auto
Foto di un cane che si sporge dal finestrino di un auto
Categoria
Animali
Area di interesse
Italia
Aggiornata al
20/01/2017

Autore: Alessandro Vai
Alessandro Vai
 

In tantissime famiglie italiane uno dei componenti di spicco è il cane, il fedele amico a quattro zampe che porta gioia tutti i giorni, ma che ha anche le sue esigenze e le sue abitudini. Per questo quando si tratta di partire per andare in vacanza sorge sempre il problema sulla sorte del quadrupede: lo portiamo con noi? Lo lasciamo a casa con qualcuno? Lo lasciamo a casa di qualcuno? Lo portiamo in una pensione per cani.

Oggi scelta a i suoi vantaggi e svantaggi, ma qui ci concentriamo sulla prima, ovvero sulla decisione di portare il cane in vacanza con noi magari in un agriturismo o in un bed and breakfast.

La prima cosa da fare è andare dal veterinario per un bel check–up generale del cane, per essere sicuri che sia nelle condizioni di salute migliori per affrontare il viaggio e anche per avere informazioni sulle condizioni sanitarie del luogo di destinazione.

Poi occorre radunare tutti i documenti necessari per il viaggio: il libretto sanitario correttamente compilato e aggiornato dal veterinario di fiducia, il passaporto, necessario per viaggiare al di fuori del territorio italiano e infine tutti i documenti sanitari richiesti dal paese di destinazione.

Ricordiamoci di preparare anche una "valigia" del cane con tutti i suoi oggetti: cibo abituale, farmaci, giochi preferiti, indumenti familiari, guinzaglio, museruola, sacchetti igienici e lettiera. Prima di iniziare il viaggio è bene che il cane stia a digiuno almeno due ore, per non provocargli nausea, dopodiché è importante avere sempre a disposizione dell'acqua fresca. Anche lo spazio vitale è importante, così come il ricambio d'aria al suo interno. A questo proposito è bene che il cane non sia sottoposto a bruschi cambi di temperatura e che di tanto in tanto sia distratto con dei giochi.

Foto di un cane che dorme sul pavimento
Foto di un cane che dorme sul pavimento

Viaggiare con il cane, consigli

Viaggiare con il cane in treno
Con Trenitalia è possibile viaggiare con il proprio animale domestico trasportandolo con l'apposito trasportino che deve avere misure non superiori a 70x30x50 cm. e, molto importante, è necessario avere con se il libretto sanitario e il certificato di iscrizione all'anagrafe canina.

Per ulteriori informazioni e approfondimenti puoi consultare questa pagina

In auto
Viaggiando in auto è meglio evitare le ore più calde della giornata e limitare l'uso dell'aria condizionata; meglio tenere il finestrino parzialmente aperto per favorire il ricambio d'aria. Un buona consuetudine è quella di guidare il più dolcemente possibile, evitando accelerazioni e frenate non necessarie. Il mal d'auto o cinetosi è un problema comune, più di quanto si possa pensare, al quale i cuccioli sono più predisposti. Un passeggiata una volta giunti a destinazione, può aiutare a ridurre l'ansia e la paura. In generale, l'associazione del viaggio a un attività piacevole aiuta l'animale a ridurre lo stress.

In aereo
Quasi tutte le compagnie aeree consentono il trasporto di animali. Tuttavia non esistono regole generali comuni per l'accesso dei cani a bordo dell'aeromobile . Ogni compagnia, infatti, può stabilire regole diverse, ad esempio, per la tipologia e le dimensioni del trasportino o per il numero degli animali accettati in cabina. I cani di media o grande taglia viaggiano, solitamente, nella stiva pressurizzata all'interno di apposite gabbie rinforzate. In questo caso, è bene che l'animale sia già abituato al trasportino o alla gabbia.

In nave
Numerose compagnie di navigazione consentono l'accesso di animali a bordo della nave/traghetto, ma è comunque opportuno informarsi in anticipo sul regolamento della compagnia scelta per il viaggio e sulla possibilità di portare in cabina il nostro amico a quattro zampe. Alcune richiedono il certificato di buona salute redatto dal medico veterinario oltre al documento di identità che deve accompagnare l'animale in ogni suo spostamento.
In alcuni casi viaggiano gratis, in altri pagano il 50% del prezzo intero del biglietto.

Video: Cani alla guida

A quando "Come portare un umano in vacanza"?

In viaggio con il tuo cane: di la tua

Inizia la discussione inviando un commento


per inviare un commento

Invierai un post come utente non autenticato, scegli il tuo avatar e digita i campi richiesti.

Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente
Avatar utente






Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo sui social network e iscriviti gratuitamente alla newsletter di AGRIBB

Condividi

Newsletter


Seguici


Animali: altri articoli